Prezzo fisso o prezzo variabile? I vantaggi della scheda carburante

Piccola o grande che sia, un’azienda con un parco veicoli conosce l’importanza del prezzo del combustibile. È proprio questo fattore a gravare in modo decisivo sui bilanci economici di molte aziende in tutto il mondo, soprattutto nel settore degli autotrasporti.

In Italia, le ultime novità in tema fiscale hanno imposto l’obbligo di pagare il carburante con metodi tracciabili, come bancomat e carta di credito, per ottenere la fattura elettronica e dedurre i costi.

In che modo, azienda e guidatori, possono ridurre e semplificare i rifornimenti?

Grazie alle carte carburante

Si tratta di carte di pagamento dedicate all’acquisto di carburante che si possono intestare a ogni singolo mezzo aziendale. Il più grande vantaggio che offrono è la reportistica creata automaticamente a ogni rifornimento pagato con questo metodo.

Alcune carte possiedono un codice QR che consente un’immediata trasmissione dei dati necessari alla stazione di servizio per emettere la fattura elettronica.

Tutto quel che serve in una carta carburante

Oltre agli sconti, al prezzo bloccato e alla semplicità di pagamento, utilizzando una carta carburante si ottiene la fattura direttamente sul computer. Allo stesso modo, si ricevono tutti i dettagli sui rifornimenti effettuati sui propri dispositivi mobili o PC.

L’utilizzo della scheda offre informazioni preziose su come, quando e quanto combustibile viene utilizzato, così che si possano elaborare nuove e avanzate strategie per risparmiare carburante e diminuire le emissioni di gas inquinante.

Inoltre, riduce notevolmente i compiti amministrativi legati alla trascrizione e al conteggio di tutte le fatture cartacee, eliminando gli errori umani o le incomprensioni, e consente l’acquisto esclusivo di combustibile.

Questi benefici sono fondamentali per creare o migliorare un piano di gestione della propria flotta.

Le schede sono tutte uguali?

No. Una delle più importanti differenze nasce dall’esistenza di schede universali, multimarca e schede monomarca.
Le prime consentono il rifornimento in qualsiasi stazione di servizio, le seconde esclusivamente presso i rifornimenti della stessa azienda che ha emesso la scheda.

La scelta va fatta in base alla tipologia di tratta che i mezzi aziendali percorrono solitamente. Conoscendo bene il percorso e il numero di stazioni disponibili lungo il tragitto, una piccola azienda nazionale può optare anche per una scheda carburante monomarca e godere di particolari vantaggi.

Un’altra grande differenza è dettata dal costo per litro del carburante, che può essere fisso o variabile.
Con prezzo fisso si intende la possibilità di pagare lo stesso prezzo per tutta la settimana in qualsiasi stazione di servizio. Al contrario, con prezzo variabile si intende il classico costo esposto alla pompa.

Prezzo variabile

Scegliendo una carta carburante a prezzo variabile, cioè stabilito di volta in volta dalla singola compagnia petrolifera, i guidatori hanno maggiore scelta su dove rifornire i mezzi aziendali perché tutte le stazioni di servizio accettano questo tipo di carta. Tuttavia, variano anche i vantaggi e gli sconti tra le varie carte.Peccato, però, che il prezzo del combustibile, oltre a cambiare di giorno in giorno, cambia anche da stazione a stazione, come avviene con le schede multimarca.

A queste variabili si aggiunge il prezzo più alto del carburante in zone come centro città o autostrade.La scheda a prezzo variabile è adatta a tutti i tipi di attività e anche alle piccole imprese che utilizzano i propri mezzi su tutto il territorio nazionale e che possono così fare rifornimento un po’ ovunque senza preoccupazioni. Un vantaggio che scongiura cambi di rotta e inutili perdite di tempo.

Prezzo fisso

Per il manager coordinatore della flotta, la possibilità di usufruire di un prezzo fisso tutta la settimana può essere un grande vantaggio.

Le schede carburante a prezzo settimanale fisso sono valide su tutto il territorio nazionale e offrono la garanzia di un prezzo uguale ovunque; anche in autostrada.

Il manager in possesso di questa tipologia di carta carburante riceve in anticipo, via e-mail, il prezzo del combustibile per la settimana in arrivo e può così pianificare in tempo e nel dettaglio una strategia per il consumo della propria flotta.

Si possono così fare rifornimenti di scorta in vista di cambiamenti del prezzo in arrivo e ottenere prezzi più bassi rispetto alla carta a prezzo variabile.

Consigli e considerazioni

Dato che ogni scheda offre vantaggi diversi, è bene studiare nel dettaglio i vari benefici e i propri bisogni aziendali.

Seppur sia vero che ci sono meno stazioni di servizio che accettano schede a prezzo fisso, queste sono però distribuite in modo strategico lungo le vie e arterie principali, quindi nessuna paura.

Anche per questo motivo, sono le grandi flotte e i grandi autotrasportatori a beneficiare maggiormente di questa tipologia di scheda carburante. Dal lato amministrativo, si apprezza in particolar modo la possibilità di creare e adottare un solo piano di risparmio combustibile unico per tutta la settimana.

Che tu preferisca il prezzo alla pompa o il prezzo fisso, confronta le nuove carte carburante con iCompario e trova la migliore carta carburante per il tuo veicolo. Rapido, gratuito, efficace.

Ottimizzare i costi: il ruolo dei big data

Il manager della flotta aziendale ricopre una posizione che richiede determinate caratteristiche e qualità. Una fra tutte l’attitudine a elaborare i dati forniti dai mezzi in viaggio.

I dati di base si ottengono con la scheda carburante e sono fondamentali per il piano di ottimizzazione dei consumi e dei costi in genere.

Per ottenere maggiore controllo diretto sulla flotta serve una scheda che offra un programma di gestione online e un’app dedicata, per creare più facilmente i tragitti e avere le stazioni di servizio evidenziate sulla mappa, per una pianificazione più rapida e completa.

Sistemi Telematici Satellitari: asso nella manica

L’analisi dei costi completa si ottiene solo equipaggiando i veicoli con un impianto telematico satellitare.

Quest’ultimo, costantemente connesso con la sede dell’azienda, consente di tracciare in ogni momento la posizione di mezzi, trasporti e spedizioni, di monitorare velocità e consumi in tempo reale, di avvisare il conducente se questo oltrepassa il limite di velocità e persino di vedere in diretta la strada percorsa da uno specifico mezzo, nel caso in cui siano installate telecamere di bordo.

Altro risparmio scaturito dall’utilizzo dei dispositivi telematici satellitari è l’abbassamento del premio assicurativo con le compagnie che promuovono l’utilizzo della black box.

Come suggerisce il nome stesso, derivato dalla scatola nera presente sugli aerei, questo device registra ogni variazione nella marcia, divenendo uno strumento fondamentale per le compagnie di noleggio, trasporti e autotrasporti.

Scegli con iCompario

Il mondo degli impianti telematici satellitari è ricco di compagnie e soluzioni su misura per tutti i tipi di imprese. Il fleet manager può quindi scegliere quali dispositivi installare in base alle esigenze aziendali, rispettando il budget e le direttive in merito agli acquisti.

Bisogna puntare sulle offerte che prevedono un impianto telematico in grado di offrire quanti più dati possibili, che siano consultabili con semplicità e tramite un’interfaccia utente efficace.

Per le ditte di trasporti e autotrasporti, alcune caratteristiche, come la comunicazione dei tempi di marcia, sosta, riposo, rifornimento etc., sono fondamentali.

Alcuni dettagli, come la frequenza di aggiornamento della geolocalizzazione dei veicoli, differiscono da un sistema a un altro.

Il servizio di comparazione iCompario riassume le migliori opportunità per consentirti di scegliere solo tra le soluzioni più adeguate.

European Diesel Card Limited, Trading Address: Unit 1, Floor 1-4, Chalfont Square, Old Foundry Road, Ipswich, IP4 2A, United Kingdom